Gli autori di musica italiana oggi

Con buona pace dei nostalgici, quelli per cui “la canzone italiana di qualità è morta!”, la musica di casa Italia vive un ottimo momento di salute. Non sono solo i Vasco Rossi, i Tiziano Ferro o i Ligabue a muovere le classifiche e ad animare un settore, quello discografico, che comunque rimane in sofferenza a causa delle incertezze per il cambiamento di abitudini di ascolto (exeunt i CD e gli mp3, benvenuto streaming).

rossi
I grandi nomi sono ancora e senz’altro pesanti in termini di indotto, ma è tutto il comparto tricolore a essere vitale, dalla musica dance al pop commerciale fino al rap, hip hop e indie. Il punto è che si ascolta moltissima musica in italiano, rispetto a una decina di anni fa, ed è merito di autori che hanno preso il posto dei Mogol, dei Bigazzi, dei Migliacci e dei Bardotti degli anni percepiti d’oro. Tommaso Paradiso (frontman dei The Giornalisti), Francesco Bianconi (che invece canta nei Baustelle) insieme a Diego Mancino o Ermal Meta (ormai lanciato come interprete egli stesso) sono, più o meno sottotraccia, i nuovi creatori di immaginari poetici conto terzi.

E non sono certamente soli. La premiata ditta Kekko Silvestre, leader dei Modà e autore per decine di artisti da Bianca Atzei ad Annalisa, da Loredana Errore ad Alessandra Amoroso, è responsabile di molti successi (e alcuni insuccessi) radiofonici, insieme a un personaggio che con Silvestre ha spesso collaborato: Emma Marrone, che come Elisa ormai si impegna anche a scrivere testi per artisti più giovani (Elodie a Sanremo 2017, per esempio, o Francesca Michielin nel caso della cantautrice veneta).

I nomi tendono a essere sempre gli stessi e ricorrenti, e sono quelli di chi ha partecipato a questo o quel talent show. Anche questo è un fattore fondamentale per capire la nuova vitalità della discografia italiana: non solo il rinnovo del “parco autori”, ma anche il pullulare di trasmissioni televisive proiettate verso la scoperta dei nuovi idoli delle folle. Ma di questo e di come funzionino (o no) si parlerà più diffusamente nelle prossime pagine.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *