La canzone italiana e i talent show

E, sempre per citare in maniera profana la Bibbia, in origine fu Saranno Famosi… nel senso del primo talent show voluto da Maria De Filippi. Lanciato nel lontano 2001, cambiò nome nel giro di due anni dalla prima edizione per evitare una causa milionaria con la rete tv americana NBC, che detiene i diritti del telefilm con lo stesso titolo: da allora è ovviamente noto come Amici, e rimane il programma del suo genere più longevo, con buona pace dei format stranieri importati in Italia come X Factor o Italia’s Got Talent…

MeUWDNClLa formula rimane sempre la stessa, con variazioni minime: cantanti esordienti e/o selezionati dalla produzione dello show si affrontano in sfide volte all’eliminazione dei meno capaci, valutati positivamente o negativamente da giurie di esperti del mondo dello spettacolo o della discografia, che seguono anche l’educazione e il miglioramento dei concorrenti puntata dopo puntata, fino alla designazione del vincitore assoluto.

Con questa modalità i talent show hanno rivitalizzato il settore della discografia: le vocalità di vincitori (e non) sono spesso molto interessanti anche in assenza di canzoni importanti, ma quello che crea davvero i personaggi è la continua esposizione televisiva per un numero sostanzioso di settimane. Il linguaggio usato nelle trasmissioni è affine ai reality, e l’effetto documentario avvicina i concorrenti all’affetto del pubblico, che spesso aiuta la salita in classifica più del repertorio abbastanza striminzito.

Se non tutti i talent show hanno avuto successo (Popstars o Operazione Trionfo sono andati dimenticati velocemente) ai coinvolti in trasmissioni più fortunate è andata mediamente meglio: da Giusi Ferreri a Marco Mengoni, da Alessandra Amoroso ad Annalisa, da Emma Marrone a Lorenzo Fragola a Michele Bravi passando per Noemi e Francesca Michielin, le scuderie dei talenti italiani si sono affollati di giovanissimi (e non solo) protagonisti che seppure non incontrano il favore di tutto il pubblico in massa, sono indubbiamente una boccata di aria fresca – e intonata!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *